Cosa Proponiamo | Dove | Prog. 2016 | Foto | Ristoro | Marron Buono| Museo | Mete | Il sentiero nel castagneto 

 
 

L’Azienda Agrituristica “Casetta” è un antico casale ristrutturato situato nel fresco Appennino Tosco Romagnolo, dove la morbidezza e la varietà dei rilievi fanno di questo sistema montuoso un ambiente unico.
• Il centro di equitazione dispone di ampia
attrezzatura per l’allevamento e la riproduzione dei cavalli, come un tondino coperto, maneggio per cavalli e pony. 20 box e 20 poste con vari paddock, rettangolo in sabbia di 20x40 m, inoltre abbiamo una proprietà di 150 ettari dove poter pascolare con i cavalli.
• Dell’ addestramento dei cavalli si occupa Vincenzo Moffa, proprietario del centro, con 40 anni di esperienza nell’allevamento e la figlia Clizia Moffa.
 

   Clizia Moffa


Clizia è  tecnico Federale di 1° livello Fise, Primo grado, Istruttrice Engea, Amazzone in gare di dressage e doma vaquera, aspirante giudice di dressage, giudice nazionale di doma Vaquera e ML.
 


• Passibilità di cavalli a Fida.
• Sono possibili
lezioni teoriche e pratiche per grandi e piccini, esperti e inesperti da istruttori di Turismo Equestre ed equitazione da campagna, con esperienza pluriennale in Italia e all’estero.
• Si organizzano anche attività per gruppi interessati all’equiturismo o per accompagnatori non cavalieri come
passeggiate a piedi e la raccolta diretta del Marron Buono  in ottobre.
• Possibilità di
posto tappa per cavalli.
Sono diventate famose e innovative le passeggiate al chiaro di luna.

Nei dintorni dell’Azienda c’è un’area dedita ai bivacchi, un angolo creato apposta anche per coloro che volessero trascorrere una notte in sacco a pelo, sotto le stelle dopo una genuina cena.



   NOZIONI PER UNA
PARTENZA IMPROVVISA

L’ABBIGLIAMENTO: L’abbigliamento necessario è il minimo. Il cap è obbligatorio. Cavallo e bardature vengono forniti dal centro, gli stivali e i pantaloni attillati da equitazione, così lusinghieri per le forme femminili, non sono strettamente obbligatori, ma consigliati, possono bastare per l’inizio anche per l’inizio un paio di comode ghette e un paio di pantaloni e una maglietta.

IL GRADO DI PREPARAZIONE: la scelta dell’itinerario dipende dalla abilità raggiunta dal partecipante, è sconsigliato comunque intraprendere una gita di più ore ai neofiti. Acquisire le nozioni di base per essere in grado di passeggiare per boschi e colline , non richiede molto tempo. Circa 10 giorni di addestramento intensivo presso un buon istruttore. Si impara a bardare l’animale, a montarlo e, una volta in sella, a guidarlo dove vogliamo che vada.

Il cavallo  è il simbolo principale con il quale si può instaurare un rapporto profondo con la natura, attraverso trekking da un’ora ad una settimana. E' indispensabile fare una gita di mezza giornata al famoso Eremo di Gamogna fondato nel 1054 ... e finalmente un dolce riposo immerso nel verde!

Va da sé, comunque che gli itinerari più affascinanti si trovano in zone non ancora battute dal turismo e che il binomio perfetto in questi casi è il contatto, in tutti sensi con la natura, anche per quanto riguarda i pic-nic a base di formaggio salsiccia e pane o una notte sotto le stelle nel tepore di un sacco a pelo.

Il trekking all’Acqua Cheta è possibile in una o due giornate. La spettacolare cascata, con un salto di 70 metri fu lo scenario di qualche opera dell’esule Dante Alighieri.